“Il sacro che scorre”: in mostra a Civita Castellana santuari e luoghi sacri dei Falisci collegati all’acqua

Il manifesto della mostra "Il sacro che scorre" a Civita Castelllana

Il manifesto della mostra “Il sacro che scorre” a Civita Castelllana

Il forte Sangallo a Civita Castellana

Il forte Sangallo a Civita Castellana

Il fiume Treia a Civita Castellana

Il fiume Treia a Civita Castellana

L’acqua che scorre e che purifica ha da sempre un forte legame con i più diversi aspetti del sacro: i Falisci, che abitavano nel Viterbese Civita Castellana e il territorio bagnato dal Tevere e dal suo affluente Treja, non si sono sottratti a questo richiamo: hanno spesso costruito importanti santuari sulle sponde dei fiumi, hanno lasciato singolari doni votivi sul greto dei fossi o addirittura realizzato strutture idriche legate a culti particolari dalla misteriosa natura. Non è un caso anche il santuario federale dei Falisci, sacro a Giunone Curite, frequentato ancora in età romana dal poeta Ovidio con la moglie e la suocera, lambisca quasi le acque del Rio Maggiore sotto Civita Castellana. “Il primo e il più antico impianto legato al culto religioso di Giunone Curite è quello di Celle”, spiegano gli esperti, “risalente alla prima metà del VI sec. a.C., al quale doveva essere collegato il santuario delle acque (Ninfeo Rosa) sul fosso dei Cappuccini. Più tardi intorno al V sec. a.C. si aggiunsero il santuario suburbano dedicato al culto di Mercurio nell’area dei Sassi Caduti, e quello nell’area dell’acropoli del Vignale. È nel IV sec. a.C. che Falerii raggiunge il massimo dello splendore, la città si arricchisce di un nuovo sviluppo architettonico e urbanistico, vengono edificati nuovi santuari che per la loro imponenza e monumentalità fanno concorrenza a quelli greci, come il tempio di Giunone Curite (edificato in relazione al primo impianto del VI sec. a.C.), e quello dello Scasato all’interno dell’area urbana”. Da queste considerazioni nasce la mostra “Il sacro che scorre. I riti dell’acqua”, aperta fino al 31 ottobre 2015 nel Forte Sangallo di Civita Castellana, al museo archeologico dell’Agro Falisco, allestimento che rientra nel Progetto Experience Etruria, curato dalla soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria meridionale. La mostra offre l’occasione per vedere nella sala dell’Accoglienza dello splendido Forte borgiano anche alcuni dei materiali di un deposito votivo del tutto particolare, venuto in luce sul Fosso Ritello a Corchiano e che rimanda ad una divinità, per il momento sconosciuta, protettrice della sfera sessuale. L’esposizione si affianca alla mostra “I tempi del rito”, nella Cappella dell’Appartamento Papale, anch’essa dedicata ad un importante santuario, quello di Monte Li Santi-Le Rote, sorto sulle rive del torrente Treja a Mazzano Romano, nel territorio dell’antico centro falisco di Narce.

Annunci

Tag:, , , , ,

One response to ““Il sacro che scorre”: in mostra a Civita Castellana santuari e luoghi sacri dei Falisci collegati all’acqua”

  1. Italina Bacciga says :

    Molto interessante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: